Verso il Sud del Marocco

Domenica 06.12 Al mattino dal gestore del parking abbiamo indicazione di dove svuotare la cassetta WC (tombino acque nere).
Partenza lungo costa con strada panoramica sull‘ altopiano.

Facciamo una deviazione verso mare a Lalla-Fatna dove ci fermiamo in un piccolo parcheggio a fondo strada. C‘ è una fontana naturale dove vengono a rifornirsi dell‘ unica acqua potabile della zona, decine di persone con i canestri da 50 litri a dorso di mulo.
Facciamo pranzo e poi ci riforniamo anche noi parzialmente. Una pattuglia dell‘ esercito ausiliario ci informa che non è permesso pernottare.

Così proseguiamo per Safi, senza trovare un posto dove fermarci.
A Souria Kedina chiediamo alla Polizia Reale dove possiamo sostare per la notte, ma ci dicono che è proibito in tutto il territorio!!!! Primo camping disponibile a Essaouira 120 Km a sud !!!!!
Lungo strada altra deviazione verso mare sperando… I camping sono davvero pochi, sporadici e non segnalati. Quindi è un‘ impresa trovarli.
Troviamo una indicazione fatta con la vernice su un masso per un camping, ma dopo 1 Km di pista accidentata dobbiamo desistere perchè il fondo diventa sabbioso e impraticabile. Dietrofront !

Nuovamente in strada. Entrati in città per cercare il camping, troviamo invece subito un Parcheggio dove è consentito sostare per la notte (3 € / 24 ore). Ci fermiamo. Ci sono altri 10 camper di tutti i Paesi.

Al momento non capiamo bene ancora la realtà del Marocco: se è in vigore la Legge del divieto di pernottare fuori dai camping, non comprendiamo la presenza dei (2) parcheggi abilitati a questo.

Lunedi 07.12 Prima apparizione dei cammelli. Sulla spiaggia una decina aspettano i turisti desiderosi di una nuova esperienza.
.
Spesa al Carrefour locale dove troviamo una stanza appartata, riservata alle bevande alcooliche, con uscita riservata. Speranzosi (ed in crisi di astinenza) la visitiamo, ma ci rendiamo conto che è impossibile, per noi, il normale acquisto: i prezzi sono proibitivi. La bottiglia di vino locale più economica: 4 € Quelle di importazione…. meglio sorvolare. Martini 17 €. Ci rinunciamo.

Ma ci concediamo il lusso di una bottiglia di Spumante Riccadonna per Capodanno a 9 €.

Al pomeriggio andiamo a visitare a piedi la città antica, racchiusa entro le mura di una vecchia fortificazione merlata. Un dedalo di stradine strette tipo i vicoli della mia Genova centro storico, con un negozietto dopo l‘ altro; prodotti di tutti i generi artigianali (legno, argento) o no.
Decine di gatti vagabondi, taluni aggressivi ed uno di essi assale Nicol a tradimento.
Mi concedo l‘ acquisto di sandali economici per la spiaggia.

Per la notte di nuovo sosta al parcheggio perchè il camping vicino non è migliore.
Martedi sosta di relax e piccole riparazioni. Il ventilatore non funziona e i raccordi della distribuzione dell‘ acqua perdono.

Mercoledi 09.12 Di nuovo in strada per il Sud. Dobbiamo rifornirci d‘ acqua e così
dirigiamo verso un camping a 15 Km (in realtà sono 20) ad Aguerd. Lo troviamo subito grazie a tante segnalazioni lungo il percorso.

Il posto è veramente bello, con grande piscina e servizi puliti e accoglienti. Acqua potabile (speriamo bene) alle graziose fontane gradevolmente piastrellate e disseminate per il camping ed energia. Il tutto a 12 € / dì. Il nome è appropriato alla quiete che regna: La Calme. C‘ è solo un‘ altro camper al momento. Una coppia di stupendi pavoni vaga all‘ entrata.

Giovedi 10.12 Al mattino sveglia con l‘ allarme che Isabelle si dimentica di disinserire.
Dopo il rifornimento d‘ acqua e svuotamenti vari, ripartiamo alla volta di Sidi Kaouki; è un posto sul mare che ci è stato segnalato da amici, come buono per stare “wild”. In realta, come constateremo dopo, non è più così. Penso che molte cose siano cambiate in Marocco nel frattempo.

Troviamo alcuni alberghi e ristorantini sulla spiaggia, il parcheggio a pagamento 0,50 € non è disponibile per la notte. 2 Camping: 1 **** stelle ed 1 veramente spartano.

Dopo aver provato alcune “piste” verso mare rinunciamo a trovare un posto per la notte e ci fermiamo nel camping selvaggio. Solo un grande spiazzo sterrato e cespuglioso e niente altro, a 3 € / notte e niente elettricità.

Venerdi 11.12 Pagato il camping, compriamo pane, sigarette e succo. Poi sempre verso sud lungo questa strada, che risulta migliore di quello che la mappa indica.
Ci ricongiungiamo con la N1 e proseguiamo sino a Smimou, grosso villaggio. Qui troviamo la bombola del gas (blu). L‘ attacco è quello francese e quindi, come in Francia, con l‘ adattatore posso usare il regolatore per la bombola italiana (11 € compreso l‘ acquisto del vuoto e lo smaltimento ahimè di una bombola spagnola). Di fronte c‘ è anche un negozio di tabacchi dove acquisto sigarette Next a solo 1,50 € e tabacco in busta, questo caro, per la pipa (1,10 € / 10 gr.). Rifornimento parziale di diesel perchè non ho più moneta locale. Successivamente a Tamanar prelievo Bancomat.

Il paesaggio sta gradatamente cambiando: più arido e meno verde che al Nord.
Anche le nostre abitudini alimentari: al posto del vino a pranzo, succo d‘ arancia e a cena….Tea ! Niente prosciutto.

Deviazione verso mare pochi Km dopo, con strada stretta e tortuosa che scende dall‘ altopiano sino ad un porticciolo di pescatori. Il villaggio, Imsouane sulla punta omonima,con diversi negozietti e mini ristoranti, è in via di riqualificazione.
Ci fermiamo bordo strada lungo la spiaggia sottostante, dove sostano altri camper. Al mattino troviamo anche un grazioso campeggio che domina la spiaggia sottostante. (12 € compreso energia)

Sabato 12.12 Proseguiamo la nostra strada e con la N1 sull‘ altopiano sino a Tamri, grosso villaggio, dove in una insenatura con splendida spiaggia, troviamo un parking sterrato raggiungibile con una pista accidentata, ma breve.

Vista stupenda con onde lunghe, paradiso dei numerosi surfisti presenti. Pranzo e ritorno al paese per rifornirci di alcune cose, intenzionati a stare sul posto per alcuni giorni. Proviamo a restare per la notte e speriamo bene…….

Alcune considerazioni sulla realtà Marocco odierna.
La prima riguarda le case: mancano completamente di una architettura particolare. O per meglio spiegare, sono tutte della stessa forma, pianta e alzato rettangolare, tetto piatto. Scatole da scarpe. Niente fronzoli, porticati o abbellimenti esterni. Salvo poche ville rivestite di pietra.
Il fenomeno più rilevante in questo Paese è la massiccia presenza (dovunque) di gatti e cani randagi. I gatti perlopiù stazionano attorno ai ristoranti (o simili) per ricevere gli scarti, i cani sono dappertutto in città, paesi, spiagge. Ambedue a decine.

Un‘ altra considerazione riguarda il pane: in Italia siamo abituati (forse troppo ricchi) a scegliere dal panettiere tra più di una decina di forme o gusti, il nostro pane quotidiano. In Marocco è presente solo un tipo di pagnotta rotonda e piatta di circa 200 gr. Soffice e gustosa, a circa 0,60 € / Kg. !!!!!!

Il posto dove ci siamo fermati di notte è veramente quieto e di notte l‘ oscurità è completa. In questi giorni non appare neppure la luna a rischiarare un po‘. Puoi ammirare un cielo stupendo con migliaia di stelle.
Lunedi pomeriggio temperatura estiva: 27° ed il mare 20°.

Per la mappa dei posti visitati vedi il link:
Map Europe: https://www.camper-news.com/Unsere_Standorte/
Per il Marocco disponibile al link:
Map Marocco:
https://www.camper-news.com/Unsere_Standorte/Marocco/


Per le foto fatte da Belle nei posti visitati vi rimando come di consueto ai suoi Report:

https://www.camper-news.com/category/travel-facts/

https://www.camper-news.com/author/belle/


Km. 2015: 10.261 km
Km. Totali: 55.183 km

This Articel was read 454 times!

Print Friendly

You might be also interested in...

Baffo Grigio

Über Baffo Grigio

...la mia casa é ovunque...

Schreibe einen Kommentar

Deine E-Mail-Adresse wird nicht veröffentlicht. Erforderliche Felder sind mit * markiert.

Bitte vervollständigen Sie das CAPTCHA *

Diese Website verwendet Akismet, um Spam zu reduzieren. Erfahre mehr darüber, wie deine Kommentardaten verarbeitet werden.