GUIDA GENERALE CAMPER – Energy

Guida generale Camper

Tabella generale consumi gas, batteria, gasolio 

 TABELLA ELABORATA SU EXCEL per esperienza personale. Suddivisa per periodo estivo e periodo invernale.
Compara l’ utilizzo di riscaldatori a gas (Truma C3400) (Bruciatore a gasolio + boiler a gas) (Bruciatore gasolio + Boiler a gasolio conbinato)

Tabella Consumi

Questa tabella riassume tutti i tipi di consumo medio dei vari apparati nelle 24 ore.

IMPIANTO ELETTRICO E BATTERIE (vedi file batterie)
Notizie specifiche riguardo agli impianti elettrici, installazione, materiali, difetti e guasti, apparecchi utilizzatori Sezione dei cavi: Secondo le tabelle il cavo da 2,5mmq (d 0,9) ha una R= 8,21 ohm al Km, quindi 20 mt danno una R= 0,165 ohm , ma moliplicati per la corrente ad esempio 7,6 Amp (V = R x I) significa una caduta di tensione di 1,65Volt solo nei cavi. Se usiamo cavi di sezione 6 mmq (d 1,4) la caduta di tensione si riduce a meno di 0,4Volt.
Per distanze fino a 50 m, la norma prescrive che la sezione minima del cavo non dev’essere inferiore a 0,25 mm²/A = 4A/mm².
Per coadiuvare la ricarica delle batterie si possono utilizzare dei pannelli fotovoltaici (o solari) installati sul tetto.

La “radiazione media giornaliera su superficie orizzontale” in KWh/mq/g, cioè in pratica il numero equivalente di ore, ciascuna al valore std di 1 KW/mq, che si becca una superficie orizzontale. Ovviamente sono minori del totale di ore di luce nella giornata.
Li si trova ad esempio sul sito della NASA: http://eosweb.larc.nasa.gov/sse/RETScreen/ fornendo le coordinate del luogo.
Amp max erogati dal pannello x radiazione media / giorno = totale Amp/h giornalieri

-Il pannello da 70W è quasi inutile, per la bassa potenza del modulo, per la scarsa tensione del regolatore ….
- un solo pannello fotovoltaico da 100W è sottodimensionato per la carica della batteria di servizio.
Esempio: un pannello solare di tipo monocristallino da 110W con un efficienza del 15% circa è in grado di erogare 7Ah a pieno regime, partendo dal presupposto di avere una batteria realmente carica e di aver consumato 7Ah, sicuramente riuscirà a ricaricare in breve tempo la batteria di servizio, ma sappiamo tutti che i consumi all’interno di un VR sono più elevati di 7Ah e l’efficienza del sole in inverno, quando i consumi sono maggiori, è veramente bassa.

Perciò si tende ad installare moduli della stessa potenza e marca se collegati in parallelo o direttamente ad un regolatore che ne possa gestire due in ingresso.
Nel caso contrario non c’è nessun problema ad installare pannelli con diversa potenza, se essi equipaggiano nella scatola di giunzione dei diodi di By-pass che servono a evitare ritorni di corrente in caso di celle in corto e di pannelli collegati in parallelo.
La tolleranza minima o le avvertenze sono quelle di rispettare la massima corrente per linea accettata dal regolatore.

Istruzioni e materiali per montaggio pannelli solari:

CS-EVOLUTION http://www.cs-evolution.it/ Ditta italiana produttrice di accessori vari e pannelli solari
(schema consigliato dalla CBE.)
www.cbe.it/component/option,com_virtuemart/page,shop.browse/category_id,31/Itemid,56/http://www.cbe.it/images/stories/solar_sch.jpg
“ “ “ PROELKOM http://www.hotfrog.it/Societa/Proelkom-di-Andrea-Norscia

la ditta Proelkom probabilmente è stata chiusa per la scomparsa prematura del proprietario: Proelkom di Andrea Norscia Via Mulino Del Gioco, 14 Città S. Angelo, Pescara, PE 65100 Tl.: 0039 085 959323 fax: 00390859507127 Email Proelkom di Andrea Norscia il pannello va incollato sul tetto con appositi supporti e apposito collante: Sikaflex 292 www.nautikit.com (>mappa del sito > schede tecniche e tanti altri interessanti per il fai da te)
Se applicato nel giusto modo (super-sgrassatura delle superfici, ecc.) ha una resistenza alla trazione di circa 4 N/mmq. (cioè 0,4Kg al mmq.)

pannelli solari

pannelli solari

I cavi che provengono dal tetto entrano attraverso il passacavi KT5 della CBE – sicuro contro le infiltrazioni d’acqua. www.cbe.it

fai un piccolo foro e incolli la scatola con abbondante silicone, data la ampia superficie ha una tenuta sicura. Di solito si monta in corrispondenza  dell’armadio o di un pensile, e qui si mette il regolatore di carica, poi dal regolatore vai alla batteria e queste sono le istruzioni:

http://www.cbe.it/component/page,shop.product_details/
flypage,shop.flypage/product_id,170/category_id,29/manufacturer_id,0/
option,com_virtuemart/Itemid,54/index.php?option=com_
docman&task =doc_download&gid=149
http://www.hotfrog.it/Societa/Proelkom-di-Andrea-Norscia

Puoi aggiungere anche il pannello display che dà Volt e Ampere http://www.cbe.it/components/
com_virtuemart/shop_image/product/PT542.jpg

Usare cavi di 4 mmq o meglio di 6 mmq così da non avere caduta di tensione, rosso per il + e nero per il negativo.

Alternatore: Il mezzo primario di produzione energia elettrica e ricarica batterie è l’ alternatore. Normale o maggiorato.
- Premesso quanto sopra, quando si parla di alternatore maggiorato, significa che è stato adottato sulla meccanica del veicolo una versione che è in grado di erogare una corrente maggiore, perchè i consumi presenti sulla meccanica sono più elevati che in un mezzo versione base o precedente; fino a qui tutto è normale perchè l’alternatore, cioè generatore di corrente e non carica batterie deve svolgere le funzioni per cui è nato cioè erogare corrente sufficiente per alimentare i consumi della meccanica.
-L’alternatore dispone di un positivo di potenza chiamato B+ e un positivo di segnale chiamato D+. 13,3 – 13,5 Volts normale (da 12,7 a 14,3 V.)
Girando la chiave di accensione del veicolo, si accende la spia dell’alternatore; avviando il motore, il regolatore del generatore, con al suo interno una piastra diodi per trasformare la tensione alternata in continua, da un impulso di OFF che permette di spegnere la spia.
In caso di guasto dell’alternatore il regolatore da un impulso di ON che permette nuovamente di accendere la spia, per segnalare il guasto.

-Può essere presente un dispositivo che usi il D+ dell’alternatore per comandare un relè per collegare assieme la batteria motore con la batteria servizi quando il motore è in moto; oppure per abilitare l’ alimentazione del frigo a 12 Volts solo a motore acceso.

Booster: -Rendimento: esso eroga 26A in uscita a 14,8V, in ingresso consuma circa 28A a 14V. La risultante in percentuale sarà di 7,1426%, sottraendola al 100% otteniamo il rendimento (circa il 93%). La differenza del 7,1426% andrà persa in calore o dissipazione e verrà definita “perdita in conversione”.
- Il booster non è altro che un caricabatterie mobile a due curve, che preleva energia dalla batteria di avviamento quando il mezzo è in moto e adegua i corretti parametri di tensione e corrente sulla batteria di servizio. (vedi consigli utili per la corretta carica delle batterie – parametri di carica)
- booster (180 € + mont.) con le istruzioni di collegamento: http://www.hotfrog.it/Societa/Proelkom-di-Andrea-Norscia
-Full Power (vendita accessori) http://www.generatori.biz/files/PE008.PDF
-Per eventuali regolazioni Proelkom: per regolare la tensione di uscita, bisogna aprire il coperchio corto (verso la morsettiera) tagliando per mezzo di un taglierino l’adesivo in modo orizzontale al Booster, a metà tra la scritta 3) Negativo di massa e 4) Positivo di attivazione.
Una volta aperto il coperchio, con un piccolo cacciavite a taglio, possibilmente isolato, regolare il trimmer RV1 fino ad avere sul pin 3 e 5 una tensione di 14,7V.

-altre marche: (300€-2010) – Energy Power Evolution da 30A (NCA) http://www.raistravel.it/tecnica/energy_power_evolution.aspNCA Camping (14,6V. stabilizzata) (deve essere utilizzato per ricaricare una batteria Servizi alla volta salvo speciale ripartitore.)
NDS Power Service (195 €-2010) 20-35 A http://www.aelwebstore.it/catalog/index.php?main_page=index&cPath=35_36
HELIOS Magnum 25-30 A http://www.heliostechnology.com/prodotti/prodotti_dettaglio_camper.php?idprodotti=36
WA 1214-8 http://www.schaudt-gmbh.de/_GB.pdf increases the available charging voltage to a maximum of 14.4V (gel)

Installazione Booster Alcuni tipi in commercio

Booster

Booster

Booster

Booster

 

HELIOS Magnum 25-30 A
Sono presenti due relais da usare nel caso incui il relais di ricarica originale sia inglobato all’ interno di una centralina a cui non si può accedere o non sia possibile interrompere i cavi di collegamento

HELIOS Magnum 25-30 A

HELIOS Magnum 25-30 A

HELIOS Magnum 25-30 A

HELIOS Magnum 25-30 A


N C A Energy Power evolution
Caratteristiche Elettriche
Tensione Ingresso: da 10….15V.
Tensione Uscita: 14,6 V stabilizzata a 30 A.
Attivazione: Comando D+ con valore regolabile
Massima Corrente sopportabile: 30 A a 13,5 V.
Protezione corrente in ingresso: Fusibile a lama da 40A.
Protezione corrente in uscita: Fusibile a lama da 35°.
Diagnosi: Ottica ed acustica tramite led bicolori e buzzer.
Interfaccia: connettore Plug Rj45 per a display remoto con
visualizzazione di Tensione e Corrente durante la carica.
Fase di Carica:> 3A
Fase di Mantenimento: < 2A
Raffreddamento ad aria forzata durante la carica e sovrac..
Non attivo in fase di mantenimento.
Interruttore di Ripristino manuale.
Gestione e controllo avanzato da microprocessore.

N C A     Energy Power evolution

N C A Energy Power evolution

Booster

Booster

Voltage

Voltage

Guida generale Camper

LUCI INTERNE: Possono essere Alogene, Neon, Led
-Neon 15 W (43 cm.) circa 0,3 Amp (220 V.) (66 W + calo inverter) per illuminazione generale diffusa. (=1.200 lumen circa)
-Il totale dei faretti alogeni di 100W (8 A) corrisponde a circa led 35W (2,9 A) a parità di luce. (=1.600 lumen)
-Circuiti stampati circolari o a striscia con 9, 12 ,21 ,27 led etc. Varie aperture di irraggiamento.
Il colore della luce LED è classificato in: warm white temp. colore da 3000 a 4000 K circa cool white temp. colore da 5000 a 8000 K circa
-21 LED (1,3 W) (0,1 A) sono corrispondenti alla alogena da 3,3 W (0,3 A) (=60 lumen) 10 striscie 21 led = Alogena 33 W (=600 lumen)
-9 LED (0,6 W) (0,05 A) sono corrispondenti alla alogena da 1,8 W ( 0,15 A) (=26 lumen).
1 lumen su un’area di 1 m2 corrisponde ad 1 lux, mentre lo stesso lumen concentrato in 1 cm2 corrisponde a 10 000 lux.

Rendimento: Alogene circa 15 Lumen/watt Led circa 45 Lumen/watt
-Led Arditi (informazioni varie) http://www.arditi.com
-Led Tecnoled (informazioni varie) http://www.tecnoled.it
-Ledmania http://www.ledmania.it/http://www.ledmania.it/shop/
bacchetta-30cm-27-led-interni-bianco-lunare-puro-5000k-p444.html

Anomalie di funzionamento: – led che pulsano in parallelo ai contatti ci saldi un condensatore elettrolitico di 500 mF 20 V.cc. rispettando la polarità

Considerazioni generali sulla costruzione di punti luce e plafoniere: se volete potete autocostruirvi una plafoniera led , ma oggi le trovate pronte ed economiche.

24 led da 5 mm. Ad alta luninosità bianchi (mcd) 15000 Parametri medi: 3-3,2 Volt 20 mA
8 resistenze 120 Ohm (vedi tabella sotto) 3.2 V x 3 = 9,6 V + Resistenze 3,2 V x 4 = 12,8 V senza resistenze
La tensione 12,6 V. si ha solo a batteria con max: carica.(molto raro) . Per utilizzo utenze varie, cala subito.
Si può ritenere che mediamente oscilla tra 11,8 V. e 12,2 V.
Quindi 4 led in serie (caduta 12,8 – 13,2 V.) sono sottoalimentati. Meglio 3 led + R. R = (12,0-3×3,2) / 0,020A = 120 ohm
R = (12,0-3×3,3) / 0,020A = 100 ohm

Guida generale Camper

Se acceso caricabatterie tensione 14,0 – 14,6 V da ridurre eventualmente (deviatore manuale) con mA7812 (1,5 A) – 2 dropout = 12 V. fisso.

L’assorbimento di queste luci è di circa 2,4 watt (0,2 A), contro i 10 watt della lampada alogena. Il rendimento luminoso dipende dai led impiegati (flusso e angolo irradiazione) E’ possibile aggiungere altri led a piacimento, con questo sistema più led ci sono, più luce si ottiene, Schema con stabilizzazione a 9,6-9,7 V. con tensione di alimentazione variabile da 11,6 a 14,7 V.
con tensioni di alimentazione inferiori a 11,6 V. calano i mA.e di conseguenza il flusso luminoso

Guida generale Camper

Guida generale Camper

Formula approsimativa per calcolo Cin = 20000 / (V/A) Cout = 1/10 Cin

Se utilizzi mA7809 senza Resistenze abbiamo: Minimo 8,6 + diodo = 9,2 + diodo = 9,8 Volt
Typ 9,0 + diodo = 9,6 + diodo = 10,2 Volt
Max 9,4 + diodo = 10,0 Volt
( senza R – sempre attivo – alimentazione minima 11,0 V.) IC L7809 della ST 1 – 1,5 A max R spia 680 ohm ¼ W Led spia giallo 1,9 V. 18 mA
Diodi 1N4007 Led 3V nom. 3,2 reali 20 mA

Risultato testato con 8 linee da 3 led cadauno (tot. 24 led): buona luminosità, troppo concentrata, > occorre disporre i led su base curva o led angolo largo con alimentazione 11,7 – 14,7 V >> uscita 9,7 V stabili >> 170 mA tot. (21 mA ogni gruppo)
“ sotto 11,6 V. >> cala >> 100 “ a 11,2 V (meno luminoso)

BATTERIE: VRLA al Gel o Agm (diffidare delle batterie troppo leggere 100Ah minimo 30Kg.)
-Il termine AGM significa Absorbed Glass Material, queste batterie sono conosciute anche come VRLA,
la classe delle batterie sigillate viene definita con il termine VRLA (Valve Regulated Lead Acid = piombo acido regolate da valvola) con il termine SLA (Sealed Lead Acid = Piombo Acido Sigillato).
- una AGM da 100Ah pesa di circa 32Kg rispetto ai circa 15/18Kg delle avviamento,
-Per ricaricare batterie ad Acido o di tipo AGM abbiamo bisogno di una tensione compresa tra 14,6 e 14,8 Volts costanti.

- La batteria ad Acido libero è costruita per l’ uso avviamento veicoli, possiede spunto, emana esalazioni, ha bisogno di manutenzione, ha un costo irrisorio (80,00 Euro) e la corrente in Ah è nominale, ovvero se noi applichiamo un carico da 10Ah su un accumulatore ad acido da 100Ah la nostra batteria durerà sicuramente meno di 10 ore. Da non utilizzare all’ interno della cellula VR per le esalazioni nocive e pericolo.

-Le batterie AGM sono costruite per essere usate come batterie di servizo, ovvero possiedono una scarica lenta nel tempo, sono ermetiche, esenti da manutenzione, si comportano diversamente dalle batterie auto in presenza di carichi elevati, sono in grado di erogare realmente la corrente in Ah dichiarata, ma hanno un costo sicuramente superiore . Predisporre diversamente il caricabatterie con l’apposito selettore GEL/Piombo – le AGM vanno su “Piombo”

-Le batterie al GEL molto delicate nella carica e non amano ricevere numerevoli cicli di carica e scarica.
da test effettuati riscontriamo che la tipologia AGM è la più adatta all’ uso di servizio. Le differenze sostanziali sono le seguenti:

Gel composte internamente da acido gelatinizzato e da piastre al piombo calcio, sono più delicate nella ricarica perchè facilmente danneggiabili, quindi più adatte ad uso tampone, esempio gruppi di continuità o altri utilizzatori che di rado richiedono energia, caricate e scaricate più volte a lungo andare la differenza di temperatura che si genera al loro interno provoca la solidificazione del gel, non possiedono un grande spunto.
Agm, è una batteria realizzata al suo interno con piastre di tipo piombo calcio nelle quali è avvolto un materiale assorbente imbevuto di acido. La tecnologia VRLA permette durante la fase di carica e scarica, ovvero quando la temperatura all’ interno dell’ accumulatore aumenta, all’ acido di evaporare, quando il ciclo di carica o scarica termina, queste bollicine si rimescolano con l’ acido, questa tecnica di funzionamento permette di avere sempre una batteria efficiente. Le batterie AGM possiedono uno spunto adeguato, anche per l’avviamento di un motore.
Un aiuto veramente prezioso era quello di Andrea Norscia, purtroppo mancato alcuni anni fa e della sua società. Per doveroso ringraziamento cito il sito che non è più disponibile.

dati tecnici tra una batteria da 100 Ah. http://www.hotfrog.it/Societa/Proelkom-di-Andrea-Norscia

“ “ 120 Ah http://www.hotfrog.it/Societa/Proelkom-di-Andrea-Norscia

- La vita di una batteria (sempre se ricaricata al 100%) è basata sul numero di cicli di scarica e carica, più sono profondi meno la loro vita sarà lunga, meno saranno profondi più la loro vita sarà lunga; la maggior parte degli utilizzatori con tensione nominale di 12V sono progettati per spegnersi a 10,5V che equivale allo stato 0% di carica della batteria, questo parametro indica la soglia di sicurezza la quale non dovrebbe essere mai superata per non danneggiare l’accumulatore.
- Tutti i parametri sopra sono riferiti ad una temperatura nominale di 25°C.
-Capacità e stato della batteria variano con la temperatura, ad es. AGM 100AH : a 40°C il 104% della capacità a 0°C l’85% a -15°C il 65%.
-quando la batteria è in condizione di carica 100%, la materia attiva della piastra positiva è formata da biossido di piombo (PbO2), mentre la materia attiva della piastra negativa è formata da piombo metallico allo stato spugnoso (Pb).
L’elettrolito è formato da una soluzione di acido solforico (H2SO4) e acqua (H2O) avente una densità di 1,26-1,27 kg/l a 30°C.

Scarica di una batteria Agm (vedi tabelle sottostanti relative a batterie da 100 e 120 Ah)
-In base alla corrente di scarica (se costante) la batteria può reggere per un numero di ore prima di arrivare alla soglia di 10,5 Volt (batteria scarica) a 10,5V equivale allo stato 0% di carica della batteria

Batteria HPB in AGM 12V 100AH C10 T16
Capacità (10 Ore) 100 AH Corrente Iniziale Di Carica 40 Ampere Max
Dimensioni (lxpxhxht) 331x173x213x233 mm Peso 32 Kg

Batteria HPB in AGM 12V 100AH C10 T16
Batteria HPB in AGM 12V 100AH C10 T16

Batteria HPB in AGM 12V 120AH C10 T16
Capacità (10 Ore) 120 AH Corrente Iniziale Di Carica 48 Ampere Max
Dimensioni 407x174x209x233 mm Peso 38 Kg

Batteria HPB in AGM 12V 120AH C10 T16
Batteria HPB in AGM 12V 120AH C10 T16

- due batterie di servizio: collegarle direttamente in parallelo evitando di installare parallelatori.-Il parallelatore e un apparechietto elettronico che, al 16 raggiungimento di un valore prestabilito di carica della batteria dei servizi, dirotta il surplus alla batteria del motore o altra batteria. (vedi CBE)
Come già detto in precedenza le batterie in parallelo raddoppiano la loro capacità, il discorso parallelo funziona egregiamente e senza controindicazioni, quando si collegano due accumulatori in parallelo, essi devono essere identici, stessa carica, capacità, tensione e tipologia costruttiva.,stesso momento.

Sezione dei cavi: per i consumi medi di un camper e per la distanza di 2 metri, bisognerebbe utilizzare cavi da 10mmq.

Consigli utili per la corretta ricarica delle batterie:
I principali parametri corretti per la ricarica delle batterie: AGM ed ACIDO Tensione di carica 14,6 – 14,8 Volts (l’ alternatore fornisce 14,0 Volts)
GEL “ “ 14,4 Volts.
Corrente iniziale massima di carica (per AGM 100AH < 40A).

- Per poter ricaricare entrambi le batterie (auto e AGM) in modo reale, dobbiamo applicare una regola molto nota, 1/10 della capacità per circa 11/12 ore ed in assenza di consumi che gravino sulla batteria durante la fase di carica (carica statica). In queste 11/12 ore di carica è compresa anche la fase di ebollizione (o per meglio dire di equalizzazione) che deve durare circa 1.5/2 ore ad una tensione di 15,6 volts con una corrente di pochi mA (100% di ricarica reale).
La fase di equalizzazione viene effettuata solo da caricabatterie professionali.

La differenza sostanziale nella carica di questi due accumulatori (auto e AGM) è la corrente iniziale di carica; questo parametro ben specificato nelle targhette delle batterie come anche la tensione di carica.
Basti pensare che l’alternatore è un generatore e non un carica batterie, quindi non in grado di ricaricare la batteria di servizio al 100% ma a circa il 70%, (ecco perché l’invenzione dei Booster – vedi sopra) in presenza di una batteria scarica, riversa tutta la corrente disponibile verso l’accumulatore, ignorando quindi la corrente iniziale di carica e i parametri di tensione corretti.
-Lo stesso avviene quando il caricabatterie installato sul mezzo non è stato proggettato per fare il caricabatterie, ma si avvicina più ad un alimentatore stabilizzato con tensioni di uscita intorno ai 13,8 / 14,2 Volts.

-Un buon caricabatterie dovrebbe avere minimo le tre curve di carica IUoU, corrente costante; tensione costante; a carica terminata si posiziona sulla tensione di mantenimento 13,8 Volts.

Principale funzionamento della curva IUoU:
I: corrente costante, il caricabatterie eroga la sua massima corrente.
U: la corrente scende e la tensione sale fino a raggiungere il parametro di fine carica che varia a seconda della diversa tipologia di batteria, rimane in questa configurazione fino a quando la corrente assorbita dall’ accumulatore è uguale a pochi mA.
o: simbolo che indica la commutazione. (può avvenire manualmente gruppo caricabatterie off : nessuna tensione di mantenimento)
U: tensione di mantenimento a 13,8V, viene attivata quando la corrente è quasi zero per mantenere in carica l’accumulatore, cosi facendo possiamo lasciare la batteria collegata al caricabatterie senza danneggiarla
- (vedi Booster) per ricaricare le batterie di servizio tipo Acido e AGM occorre una tensione pari a 14,6 / 14,8 Volts; per quelle gel 14,4 Volts.

Carica batterie automaticihttp://www.hotfrog.it/Societa/Proelkom-di-Andrea-Norscia (8 Amp – 15 Amp )
….. il manuale tecnico del caricabatterie mod. FP-8 ed FP-15 dove poter meglio capire il funzionamento di questo dispositivo e le precauzioni da prendere quando si carica una batteria ad acido libero. http://www.hotfrog.it/Societa/Proelkom-di-Andrea-Norscia

In caso si Voglia mantenere il dispositivo originale (caricabatterie o alimentatore già presente) bisognerà collegarsi in parallelo al caricabatterie originale scollegando l’alimentazione 220V del dispositivo originale quando in funzione l’FP-15A.
Usualmente installiamo un deviatore di rete 220V, con il quale abbiamo la possibilità di far funzionare L’FP-15A o l’alimentatore;
Usando il caricabatterie ricaricheremo gli accumulatori di servizio con parametri corretti ed al 100%;
in caso di soste molto lunghe in campeggio è consigliato far funzionare l’alimentatore originale del mezzo, deviando la rete 220V verso di esso.
Con opportuno deviatore o staccabatterie è possibile utilizzare entrambe per scopi diversi: caricabatterie per ricaricare, alimentatore per i servizi.

L’FP-15A non è un alimentatore, quindi avrebbe dei problemi se fatto funzionare come tale per giorni.

CBE
CBE

CBE
I dati relativi alla fine carica non concordano con quelli di altri produttori.(14,6 -14,7 Volt) per batterie Pb-Acido AGM
Non hanno una sezione dedicata alle Utenze (alimentatore)

SCHAUDT
SCHAUDT
SCHAUDT
SCHAUDT
SCHAUDT
SCHAUDT

Completo di pannello frontale con indicatori vari (vedi LA1210 modulo nudo)
SCHAUDT
are power supply and battery charger in one unit.

- Per quanto riguarda il solver, lo ritengo un prodotto molto utile.
Esso permette di evitare la solfatazione sulle piastre degli accumulatori. Ricordiamo che questo fenomeno avviene quando si lascia un accumulatore scarico o parzialmente carico per lungo tempo.

 GENERATORI DI CORRENTE: Per poter utilizzare utensili elettrici tradizionali (trapani-circolari-flessibile-carteggiatrice etc.) occorre avere una fonte di energia a 220 Volt. Anche per la ricarica delle batterie.
Quindi l’ alternativa si limita ad un generatore tradizionale con relativo dispositivo per la ricarica della batteria e/o un inverter (potente) 12/220 volt.
Se si prevede di fare un turismo itinerante, con soste di due/tre giorni in posti isolati, è indispensabile avere un generatore di corrente per ricarica batterie (specialmente in periodo freddo con utilizzo di stufe etc. nel quale si prevede un consumo di circa 60 Ah/dì). 4 H ricarica x 15A x 14,7 V.(= 230 W circa)
I pannelli solari hanno un impiego limitato sia climatico che di potenza (pannello 110 W = 7 Ah). E non risolvono il problema di eventuale utilizzo di attrezzi di potenza (necessario inverter di 1500/2000 W con relativo consumo abnorme di batteria).

I generatori non tradizionali (vedi seguito) risultano troppo costosi per l’ impiego cui sono destinati. Quelli a gas sconsigliati per problema rifornimento gas.
Efoy 1200 / Efoy 1600 : non e’ un gruppo elettrogeno ma un generatore con cella a combustibile e caricabatteria automatico.
-il 1200 produce 100Ah in 24H – il 1600 produce 130Ah in 24H.
-Il costo è doppio rispetto al comune impianto di pannello solare da 100/120 watt + le due BS AGM e il regolatore.
- La tanica (metanolo) contiene 5 litri e il suo prezzo (2009) dovrebbe essere intorno ai 21-25 € ( si fanno circa 4/7 giorni )
-24 ore di funzionamento hanno un costo di circa 0,31 €/ora ( = 7,5 € ) Efoy 1200
-Un Efoy 1200 montato costa circa sui 3.300 euro.

SelfEnergy EG 20: è un generatore di corrente con motore due tempi a iniezione di gas http://www.egasperini.it/-produce circa 20 Amp/h ( quindi per avere i 100A/giorno di EFOY, il Gasperini deve funzionare almeno 5 ore al giorno)
-Consuma 0,27 kg/ora (quindi con una bombola (circa 20€) si fanno circa 7 giorni usandola solo per questo).
-una bombola di gas pesa e ingombra circa come 5 cartucce di Efoy.
-un EG20 costa circa sui 2.500 euro

SelfEnergy EG 20
SelfEnergy EG 20


Energy 2500 Gas (anche 4000 e 8012)
http://www.giocamper.it/index.php?main_page=index&cPath=4_17_117
-Motore: Yamaha MZ175 GAS
-Alternatore 2 Poli: Synchron
-Potenza Max: 2,5 KVA – 230 V 10 A / 12Vdc consumo 0,8 Kg/h
-Costo 2.800 €
Eolici –etc. ininfluenti costosi ingombranti http://www.teknohabitat.com/home.htm

Generatori tradizionali: nella scelta tra vari tipi di generatori tenere presente che possono esserci problemi in certi Paesi per il rimpiazzo delle bombole di gas. Quindi è forse preferibile avere alternativa di combustibile (benzina).
Possono produrre corrente a 12 volt o 220 Volt. I motori Honda sono considerati i migliori. Carburante benzina o miscela-.
I prezzi per l’acquisto di un generatore elettrico a carburante oscillano generalmente tra i 150 € ed i 1.600 € per una potenza erogata di circa 700/2000W.
La potenza dichiarata si riferisce a particolari tipi di utilizzo, per gli utensili con motori a spazzole di solito quasi si dimezza.
Alcuni esempi di utilizzo 1500W: Lampadine e neon 1100w, ferro da stiro 1000w, trapani e attrezzi vari 900w, smerigliatrici e phon 800w.
Consumi a 220V: Taglierina 700w Flessibile 750w Circolare 900w Carteggiatrice 250w Trapano 350w Alternativo 350w Aspirapolvere 1200w
Phon (pollicino) 330/660w Carica batterie Fiamma 300w
Escludendo l’ uso dell’ aspirapolvere (solo nei camping), quello di taglierina-flessibile-circolare richiede l’ impiego di generatore > 1500w mentre per tutto il resto ne basterebbe uno da circa 700w (più leggero e meno costoso) .

Consumi: 700 W 0,5 l/h 50 cc 2T vari da 140 i motori sono:
1000 W 0,3- 0,6 ” 90 cc 4T a 380 € – a due tempi cilindrata tra i 50 e i 100cc;facili da smontare e
1000 W 0,3- 0,6 ” 50 cc 4T honda 800/1100 € riparare. Emettono scarico odoroso
1600 W 0,4- 1 ” 100 cc 4T ” 1600 € – a quattro tempi, cilindrate dai 50 ai 600cc. Consumo
2000W (1300W utensili) 1 ” 160cc 4T valex -einhell-vinco 350 € ridotto e affidabili
elem-kipor (cina) 600/800€ – Diesel: troppo pesanti e costosi

Nella scelta prestare particolare attenzione oltre che alla potenza necessaria anche al peso.(spostamenti / carico e scarico).

valutare l’ utilizzo al quale sarà destinato (piccoli attrezzi e carica batterie oppure anche grandi attrezzi)

 INVERTER: 12V. > 220 V.
per utilizzare apparecchi (computer e stampanti con alimentatore originale) e attrezzi vari (saldatore – mixer – trapano etc.) Phon pollicino 330/660w
Alcuni modelli (stand alone) possono essere in tecnologia Soft-start (da preferire) ad onda modificata, altri invece con tensione di uscita sinusoidale pura (molto costosi)( è consigliata quando di tratta di alimentare con la massima affidabilità utilizzatori elettrici particolarmente delicati.)
Alcuni costruttori consiglianodi utilizzare gli inverter con apparecchi che non assorbano oltre 2/3 della potenza continua max onde evitare probabili rotture.

Non collegate direttamente l’uscita 220 Vac dell’inverter all’impianto 220 Vac del camper !!!
Conviene fare un secondo impianto per il 220 Vac dell’inverter, altri cavi e nuove prese, oppure si può mettere un commutatore a tre posizioni o un deviatore bipolare e si avrà la seguente possibilità di scelta:
Commutatore: 220 Vac dell’inverter – tutto spento – 220 Vac esterno
Deviatore: 220 Vac dell’inverter – alle spine utilizz. – 220 Vac esterno
Diametro dei cavi di collegamento inverter-batteria : Ipotizziamo 3-4 Amper per millimetro quadro di sezione dei cavi (vedi Pag. 3). Più corti possibile.

150W per PICCOLI CARICABATTERIA, RASOIO, TELEFONO ecc.
300W per PICCOLI TELEVISORI 5″ – 10″, COMPUTER PORTATILI piccoli
600W per TV MEDI 14″ E GRANDI 20″ VIDEOREGISTRATORE, COMPUTER , ATTREZZI piccoli
1.000-1500W per ASCIUGACAPELLI, ROBOT DA CUCINA, ATTREZZI ecc. Per questa potenza conviene usare un generatore di corrente.(se assorbi 1000 W da una batteria 12 V, quella deve erogare circa 83 Ampere !!!!. I cavi dovranno avere una sezione più che importante, circa diam. 6 mm, simile a quella dei cavi che si utilizzano per avviamenti di emergenza. Inoltre se la batteria è da 100 Amp./ora l’utensile funzionerà per circa un’ora poi la batteria si scaricherà completamente) . Ma per attrzzi vari può esseree molto utile.
Tutte le ditte di accessori camper hanno in catalogo Inverter. Inoltre la RSOnline ne ha parecchi modelli. Attenzione a scegliere il fornitore serio, perchè potete ritrovarvi (sperienza personale) dopo pochi giorni con l’ inverter fuori uso, e non avere nessun tipo di assistenza e/o consiglio postvendita.

Tipi vari di prese e altro materiale elettrico: (vedi Prod. Caravan > Energy line) www.cbe.it

 Spine elettriche: Modelli diversi in Europa

Spine elettriche: Modelli diversi in Europa
Spine elettriche: Modelli diversi in Europa
Spine elettriche: Modelli diversi in Europa
Spine elettriche: Modelli diversi in Europa


OBLO E VENTOLE: Oblo da tetto schema tecnico esploso http://www.omnistor.com/spare/screenomnivent.html
Omnistor listino prezzi ricambi http://www.omnistor.com/spare/prices/priceomnivent.htm
Tre velocità. 12 V. 50 W.max La sola parte elettrica di ventilazione costa circa € 130 prezzi indicativi 2011
Fiamma turbo vent http://www.fiamma.it/products/QMP.asp
Una vel. Turbo kit da installare su qualsiasi oblo € 54 – Oblo completo con regolazione manuale della ventilazione € 180 Kit motore + ventola €102
Ventoline: per frigo etc. (vedi Frigo)


Download GUIDA GENERALE CAMPER as PDF-File

This Articel was read 2352 times!

Print Friendly

You might be also interested in...

Baffo Grigio

Über Baffo Grigio

...la mia casa é ovunque...

Hinterlasse eine Antwort

Deine E-Mail-Adresse wird nicht veröffentlicht. Erforderliche Felder sind markiert *

Bitte vervollständigen Sie das CAPTCHA *

Du kannst folgende HTML-Tags benutzen: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>