2011 – Slovenia, Croazia, Ungheria, Polonia e Ukraina.

2011 – Km. 6.060
————————————————————————

Slovenia: Sosta alla sera in Area di servizio con posti riservati ai camper con acqua, corrente a richiesta e scarico acque. Veramente ben organizzati ed accoglienti per chi viaggia in camper, anche nell‘ interno.

————————————————————————

Croazia
: si presenta con una buona organizzazione turistica. Appena oltrepassato il confine la prima area di servizio ha non solo le colonnine camperservice, ma addirittura un camping !

————————————————————————

Ungheria
: Qui le indicazioni stradali cominciano a scarseggiare o sono poco chiare. All‘ ufficio turistico alla frontiera sono molto scortesi e non parlano inglese.

————————————————————————

Ingresso in Ukraina alla frontiera di Chop. E‘ una giornata da dimenticare. I controlli di Polizia e Dogana sono lunghi, ripetitivi, burocratici, minuziosi ed estenuanti. All‘ ingresso del posto di frontiera ti danno un biglietto (dopo il primo controllo del passaporto) con scritto targa e n° di persone a bordo, che devi conservare sino alla fine e riconsegnare. Hanno paura che durante i controlli ti perdi qualcuno !!! Non hanno mai visto un camper . Tutti i funzionari hanno un’aria accigliata; e pensare, ironia, che all‘ ingresso c’è una pubblicità governativa con una bella ragazza sorridente che dice (in inglese) che risponderanno tutti alle tue domande con cortesia !!!! Vorrei sapere chi, visto che nessuno, dico nessuno, parla una parola di inglese !!!! Lo stesso in uscita dal Paese.
Molti negozi, grandi e piccoli, sono aperti 24 ore al giorno; I restanti fanno orari lunghissimi dalle 9 alle 22.
I prezzi per noi dell‘ area Euro sono bassissimi (stipendio medio 150/200 euro). Alcune cose invece hanno prezzi pari ai nostri e quindi solo alla portata di pochi. Innumerevoli i mercati e i banchi lungo le strade.
La prima cosa che noti, a tue spese, è la manutenzione, o meglio la mancanza di manutenzione, stradale. Devi stare con gli occhi incollati all‘ asfalto,o prendi delle buche profonde che ti distruggono le sospensioni e i denti.

 

Lviv

Lviv

————————————————————————

Polonia
: non hanno ancora capito di essere in Europa e ti controllano il camper ed il passaporto 4 volte.
Spesso non accettano né Visa né Euro. Per il resto Paese cortese, moderno e vitale.

This Articel was read 562 times!

Print Friendly

You might be also interested in...

Baffo Grigio

Über Baffo Grigio

...la mia casa é ovunque...

Schreibe einen Kommentar

Deine E-Mail-Adresse wird nicht veröffentlicht. Erforderliche Felder sind mit * markiert.

Bitte vervollständigen Sie das CAPTCHA *

Diese Website verwendet Akismet, um Spam zu reduzieren. Erfahre mehr darüber, wie deine Kommentardaten verarbeitet werden.